1

scuola dell’infanzia

scuola primaria

scuola media

Laboratori



Ad essere grandi, si inizia da piccoli

Nella scuola dell'infanzia il rapporto con l'adulto (l'insegnante) riveste particolare importanza. Il nostro intento è quello di affermare il valore oggettivamente positivo del bambino affinché nasca in lui l'interesse verso la realtà che lo circonda.
Il bambino è aiutato a dare un nome alle cose e a individuare i nessi che collegano gli avvenimenti, le persone , i fatti. Tentiamo di promuovere contemporaneamente l'autorealizzazione personale e l'attenzione all'altro cercando di accompagnare il bambino nel delicato passaggio dalla famiglia al gruppo dei pari, dove si impara a conoscere gli altri e a riconoscersi negli altri. L'apprendimento a cui pensiamo va inteso come collaborativo, vuole essere un “addestramento” ad avere fede nelle proprie e nelle altrui capacità.

Il gioco ci permette di conoscere il bambino sia dal punto di vista fisico che psichico. Uno sguardo sempre attento (osservazione del gioco) da parte nostra può far cogliere il suggerimento per sviluppare nuove conoscenze e intervenire lì dove ci si accorge che c'è un bambino che si annoia e probabilmente ha bisogno di essere sollecitato, oppure un altro che può essere spaventato da determinate richieste. Inoltre, le diverse attività da noi programmate (racconto di una storia, attività psicomotoria, attività grafico-pittoriche e di manipolazione, etc.) hanno il valore di offrire al bambino l'occasione di scoprire nuovi aspetti della realtà che da soli non potrebbero conoscere in modo adeguato
Utilizziamo strumenti che coinvolgono il vissuto corporeo, giocando con la drammatizzazione e il teatro. Di tutte queste esperienze si potranno raccogliere tracce durante l'anno come disegni, fotografie, produzioni dei bambini che verranno riordinate in cartelline messe poi a disposizione dei genitori e dei bambini affinché entrambi possano verificare la crescita avvenuta. Il nostro obiettivo è quello di far crescere e far maturare nei bambini una grande fiducia negli adulti, una grande disponibilità ad ascoltare e seguire con il desiderio di affrontare il passo della scuola primaria.

la sezione primavera

si propone di facilitare il passaggio dall'asilo nido alla scuola dell'infanzia in un'ottica di continuità come concetto ordinatore di base, al quale identificare obiettivi formativi e competenze da sviluppare longitudinalmente.
Strumento dell'azione educativa della Primavera è la progettazione educativa, per rispondere alle esigenze formative del bambino attraverso processi razionali di intervento.
Parte dall'analisi della situazione, definisce gli obiettivi, seleziona i contenuti, sceglie e organizza i materiali e gli strumenti, struttura le sequenze di apprendimento, per poi giungere alla realizzazione e alla valutazione, tenendo conto delle variabilità dei ritmi di sviluppo.

la sezione infanzia

"è proposta come un ambiente educativo intenzionalmente e professionalmente strutturato, caratterizzato da una precisa autonomia pedagogica, metodologica e didattica. Gli Orientamenti e le Indicazioni nazionali costituiscono una "carta di identità" che detta le linee essenziali di intervento, in relazione a diversi ambiti: culturale, sociale, metodologico, ambientale. La funzione educativa della scuola dell'infanzia concerne l'integrale personalità del bambino ed è condizione per la sua partecipazione alla vita della società.
L'insegnamento deve basarsi su principi psicologici precisi, che si articolano nel passaggio da una fase sincretica e globale iniziale, ad una fase analitica ed, infine, ad una fase sintetica finale, nel pieno rispetto del ritmo naturale di sviluppo del bambino."

P.T.O.F. | PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA

2016/2019

vedi pdf

Crescere è più facile insieme

La scuola, ambito accogliente e positivo, mira alla formazione umana, culturale e sociale del bambino, in rapporto con l'esperienza familiare e nello specifico dell'attività didattica. Essa introduce il bambino alla conoscenza di sé e della realtà, attraverso la guida dell'adulto e la compagnia dei coetanei, in un primo lavoro sistematico di conoscenza e di apprendimento. L'elementarità della proposta educativa e didattica consiste in un approccio conoscitivo globale, totale e immediato, che sta alla base di ogni esperienza e che sviluppa nel bambino la coscienza della sua realtà personale e del mondo circostante. Tale percorso avviene sempre in relazione alle potenzialità tipiche dell'età degli alunni. La specificità del livello elementare della scuola è caratterizzata dalla presenza del maestro di classe, docente di riferimento in ambito relazionale e didattico. Maestri specialisti integrano e qualificano il percorso in particolare nell'ambito espressivo e musicale, nella proposta dell'attività motoria e in una articolata e viva attività in lingua inglese.

P.T.O.F. | PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA

2016/2019

vedi pdf

Imparare è un gioco da ragazzi

La nostra scuola propone la presenza di ADULTI AUTOREVOLI E MOTIVATI, capaci di mettersi in gioco con i ragazzi e di trasmettere la passione per la conoscenza.
L'Istituto attua un lavoro didattico non frammentario, ma teso a favorire la trasmissione dei CONTENUTI E I METODI ESSENZIALI per introdursi nella nostra ricchissima tradizione culturale, tenendo conto della distinzione tra discipline di studio (privilegiando italiano, matematica, lingue straniere), e discipline laboratoriali, sviluppate come possibilità di arricchimento delle doti di ciascuno studente.
Una didattica concepita come RICERCA CONDIVISA GUIDATA che mantenga vivo il desiderio di conoscere il reale e il suo significato, valorizzando l'apporto di ciascuno nell'avventura conoscitiva ancora più ricco se indirizzato e sostenuto dai docenti.

P.T.O.F. | PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA

2016/2019

vedi pdf

Laboratori

L’offerta didattica proposta da Campus Don Bosco non si esaurisce con il lavoro curriculare in aula. A corollario dei piani formativi di base, è infatti presente una vasta offerta di laboratori che abbinano l’apprendimento al divertimento e alla scoperta delle capacità fisiche ed artistiche dei ragazzi di tutte le età. Si passa dai progetti di lettura creativa alla pratica di discipline sportive, nell’ottica di una formazione intellettuale e fisica completa, sino all’apprendimento delle basi della robotica con il progetto “Palestra per la mente”. Anche l’inglese ha un laboratorio dedicato, data l’importanza che ad oggi riveste, con corsi pensati per ogni età e livello, al pari della musica e del canto, arti che insegnano a viaggiare con la creatività e e con l’immaginazione. I corsi sono rivolti a bambini e ragazzi di tutte le età.

Musica

Il laboratorio musicale di Campus ha come obiettivo lo sviluppo sensitivo e cognitivo dei bambini e dei ragazzi: imparare a suonare uno strumento o a cantare una canzone ha influssi educativi positivi evidenti, quali lo sviluppo del pensiero critico, della creatività e dell’immaginazione. I corsi disponibili, tutti della durata di 60 ore, spaziano dal canto alla chitarra, dalla batteria al violoncello, passando dal basso, le percussioni, sino al violino e al pianoforte.

Inglese

La lingua universale, a tutti i livelli e per tutte le età: grazie alla collaborazione con la British Schools, Campus Don Bosco organizza dei laboratori mirati all’apprendimento della lingua inglese, avvalendosi di docenti abilitati e referenziati. A fare la differenza è l’utilizzo, durante le lezioni rigorosamente in lingua inglese, di materiale editoriale aggiornato, specifico e multimediale, tale da rendere l’apprendimento intuitivo ed interattivo.

Sport

Mens sana in corpore sano” non è un modo di dire privo di significato: la filosofia didattica di Campus Don Bosco considera la formazione sportiva un elemento complementare alla parte scolastica. Lo sport infatti insegna i valori del sacrificio, della cooperazione e definisce lo sviluppo delle potenzialità, sia fisiche che intellettuali. Salutare per il corpo e per la mente, lo sport è indispensabile per la crescita sana dei bambini di ogni età.

Bafè - Progetto lettura

La lettura come mezzo per conoscere il mondo e per orientarsi: con questo spirito nasce la collaborazione con Bafè per dei progetti di lettura specifici per ciascuna fascia d’età. Dai 3 ai 5 anni si parla di “Emozioni per giocare”, con letture e illustrazioni di autori italiani e stranieri dedicate alla scoperta delle energie e delle sensazioni. Dai 6 ai 7 anni, ci si diverte con i “Mostri selvaggi”, con continui viaggi letterari alla scoperta della diversità, con l’obiettivo di accettare ciò che inizialmente può apparire come spaventoso, ma solo perché sconosciuto. Dagli 8 ai 10 anni si passa alle “Vecchie Storie”, ovvero un ciclo di letture animate dedicato alla scoperta dei grandi classici della letteratura mondiale, dall’Oriente all’Inghilterra, passando per l’antica Grecia e la storia italiana.

Palestra per la mente - Robotica

Programmazione e robotica come palestra per tenere la mentre sempre allenata, attraverso l’utilizzo di concetti e applicazioni matematiche e geometriche in contesti pratici, di apprendimento divertente e partecipativo. Come strumenti accessori del laboratorio, supporti tecnologici di ogni tipo, dai video agli strumenti cartacei più classici. I ragazzi scopriranno come sarà più semplice di quanto si possa immaginare realizzare un’app o un videogame personalizzato.

Contattaci per scoprire tutti i dettagli sui laboratori

Scegli il corso giusto

CLICCA QUI